HomePage
Logo Regione Toscana
Agenda Scadenze Comunicati Modulistica Cerca Glossario Link Faq Mappa Contatti
Artea ServiziOnLine Documenti Attualità Urp
Glossario
Glossario - Definizioni
     Glossario: AMMINISTRATIVO E TECNICO
Definizione di: Fabbricato rurale

Fonte: D.L. 30 dicembre 1993 n.557 (conv. con L. 26 febbraio 1994 n.133)


Il fabbricato, per poter essere definito rurale, deve essere asservito ad un terreno e deve essere destinato ad uso abitativo di chi direttamente conduce il fondo oppure all’uso di ricovero di attrezzi o di scorte materiali o di animali allevati sul fondo. In particolare, devono essere soddisfatte le seguenti condizioni: a) che il fabbricato è posseduto dal soggetto titolare del diritto di proprietà o di altro diritto reale sul terreno oppure detenuto dall’affittuario o da chi, ad altro titolo, conduce il fondo cui la costruzione è asservita, da loro familiari conviventi a loro carico o da pensionati per attività svolta in agricoltura o da coadiuvanti iscritti come tali a fini previdenziali; b) che l’immobile è utilizzato come abitazione dai soggetti individuati al punto precedente oppure dai dipendenti che nell'azienda prestano il proprio lavoro per più di cento giornate lavorative; c) il terreno cui il fabbricato è asservito deve avere una superficie non inferiore a 10.000 mq. ed essere censito al catasto terreni con attribuzione di reddito agrario. La superficie richiesta è limitata a mq. 3.000 se il terreno è utilizzato per coltivazioni intensive o colture specializzate in serra o per la funghicoltura oppure è ubicato in un comune considerato montano; d) il volume d’affari derivante da attività agricole del soggetto conduttore del fondo deve essere superiore alla metà del suo reddito complessivo. Ai fini del calcolo del volume d’affari, da tale reddito devono essere esclusi i trattamenti pensionistici erogati a seguito di attività svolta in agricoltura. Nel caso di terreni montani tale proporzione è ridotta dal 50% al 25%. Per coloro che non presentano la dichiarazione IVA, il volume d’affari si assume pari al limite massimo previsto per l’esonero dalla presentazione della dichiarazione; e) i fabbricati ad uso abitativo che hanno le caratteristiche di immobile urbano appartenenti alle categorie A/1 e A/8 o classificati immobili di lusso ai sensi del decreto Ministero dei Lavori Pubblici del 2-8-1969, non possono comunque essere qualificati rurali



Indirizzo ARTEA